Calendario formazione

 

Corso ECM Speaking of Death, uno sguardo alla meraviglia della vita Dimensioni possibili e strumenti di accompagnamento all'anziano in RSA Mestre, 19 ottobre 2018

Corso ECM
Speaking of Death, uno sguardo alla meraviglia della vita
Dimensioni possibili e strumenti di accompagnamento all'anziano in RSA
Mestre, 19 ottobre 2018

Il corso di formazione è stato ideato con l’obiettivo di prendere in considerazione la cura nella fase terminale della vita, riferendosi in particolare alle persone anziane e ai contesti culturali e logistici in cui vivono, per migliorare l’assistenza alle persone affette da malattie cronico-degenerative in stadio avanzato e terminale.

Il centro di gravità dei problemi che accompagnano le cure di fine vita, infatti, si sta rapidamente spostando dall’ospedale alle strutture lungo-degenziali che forniscono servizi sanitari e sociali. Ciò determina una ridefinizione dei rapporti tra chi eroga cure sanitarie e assistenziali, le famiglie e le persone anziane in fase terminale di malattia, nell’ottica di offrire ai cittadini un servizio migliore e coordinato. Avvicinarsi alla morte può essere un momento di sfida per i pazienti e per i loro familiari/cari e il rispetto e la dignità sono critici nell’esperienza del paziente (International Council of Nurses, 2012). Il mantenimento della dignità è stato identificato come fonte importante di conforto alle persone in fin di vita (Cochinov et al, 2002). Il deterioramento nell’abilità di funzionamento fisico può minacciare il senso di identità della persona, causando loro la perdita del senso di sé o individualità e un senso di valore. 

Nei "Principi delle Nazioni Unite Per le persone anziane" (redatti nel 1991) si mettono in evidenza i valori fondamentali da rispettare nelle relazioni di cura con le persone anziane sottolineando come sia necessario salvaguardare l'indipendenza di queste persone permettendo loro di essere autonomi in tutti quei gesti che siano ancora in grado di compiere individualmente, la loro  partecipazione e il coinvolgimento anche nelle decisioni riguardanti il processo di cura, una cura amorevole e rispettosa dei loro diritti. In particolare viene sottolineata l'importanza del concetto di dignità attraverso comportamenti orientati al rispetto dell'altro e come tali debbano divenire lo standard da perseguire all'interno della relazione di cura.

Kubler-Ross sostiene (1969) che negli anziani c’è una sorta di pianificazione dell’evento e molti pensieri nei riguardi della morte prendono il sopravvento. Il rito funebre permette al dolore di distribuirsi in qualche modo su ciascuno dei presenti; è fondamentale nel rafforzare le relazioni interpersonali; rappresenta un momento di rottura rispetto al fluire della quotidianità e segnala che qualcosa di importante è avvenuto e merita attenzione. 

Diventa fondamentale, in un percorso formativo come questo, una riflessione condivisa sul senso del percorso di presa in carico e sulla rivalutazione del progetto assistenziale individualizzato, sulla necessità di formazione specifica sui temi della gestione del dolore, del lutto e della comunicazione alla fine della vita da parte di un'equipe di cura preparata. .

Obiettivi formativi
La giornata offre riflessioni su approcci e strumenti possibili per l'accompagnamento dell'anziano istituzionalizzato alla fine della vita, partendo da ciò che determina una ridefinizione dei rapporti tra chi eroga cure sanitarie e assistenziali, passando attraverso il coinvolgimento consapevole delle famiglie delle persone anziane in fase terminale di malattia, per arrivare a “definire” un’ottica di qualità capace di offrire ai cittadini un servizio migliore e coordinato.

Responsabili scientifici
Chiara Monti, Medico, Direzione Sanitaria, Residenze Anni Azzurri
Prof.ssa Ines Testoni, Direttrice Master "Death Studies & The End of Life"

Coordinamento Didattico Organizzativo
Alessia Zielo, Archeo-tanatologa, Docente e Tutor al Master "Death Studies & The End of Life"
Giorgia Tolio, Psicologa-Psicoterapeuta

Relatori
Ciro De Vincenzo, Dottorando in Scienze Sociali
Erika Iacona, Dottoressa in Psicologia
Barbara Marchica, Counselor Spirituale
Nicola Martinelli, Assistente Sociale e Formatore
Elisa Mencacci, Psicologa
Chiara Monti, Medico, Direzione Sanitaria, Residenze Anni Azzurri
Giorgia Tolio, Psicologa-Psicoterapeuta
Alessia Zielo, Archeo-tanatologa, docente e tutor al Master "Death Studies & The End of Life"

Destinatari
Tutte le figure sanitarie, Assistenti Sociali.

Programma
8:30 Registrazione dei partecipanti
9:00 Apertura della giornata con saluti Direzione/Direzione sanitaria. Prof.ssa Ines Testoni

Moderatore: Chiara Monti

9:15 Biotestamento e responsabilità medica Chiara Monti
9:45 La "dolce morte" e la ritualità nel fine vita e nel lutto degli anziani. Aspetti antropologici, sociali e filosofici sulla morte e sull'eutanasiaAlessia Zielo
10:15 "Troppo vecchi per le cure palliative?" Riflessioni su approcci e strumenti possibili per l'accompagnamento dell'anziano istituzionalizzato alla fine della vitaElisa Mencacci
11:15 Coffee break
11.30 Counseling spirituale: valorizzare la dimensione dell'animaBarbara Marchica
13:00 Pausa pranzo
14:00 Problematiche nel fine-vita ed ambienti della cura e del morireCiro De Vincenzo
15:00 Dignity therapy, care therapy, phototerapy nella cura della persona anzianaErika Iacona
15.45 Coffe break
16:00 La diagnosi sociale alle frontiere della Vita: aspetti etici e metodologici.Nicola Martinelli
16:45 L'essere testimoni: una possibile declinazione del compito dello psicologo in strutturaGiorgia Tolio
17:30 Somministrazione Ricaduta Formativa e Customer Satisfaction
18:00 Chiusura corso

Partecipazione e crediti formativi
La soglia minima di partecipazione richiesta, indipendentemente dalla durata dell’evento, è del 100%. È stato richiesto il riconoscimento dei crediti formativi all'Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Veneto.
L’attestato crediti sarà rilasciato solo ed esclusivamente ai partecipanti che avranno raggiunto una partecipazione del 100% e superato il questionario di apprendimento obbligatorio.

Modalità di partecipazione
La partecipazione agli incontri è gratuita e su iscrizione fino al raggiungimento degli 50 posti disponibili.
Ci si può iscrivere entro il 12 ottobre 2018 compilando la scheda di iscrizione e inviandola all’indirizzo di posta elettronica formazione@fondazionemantovani.it
Per informazioni chiamare il numero 02 6455300 dalle 9:00 alle 15:00.

Sede degli incontri e informazioni
Residenza Anni Azzurri Mestre. Sala Polifunzionale. Via Morosini, 11 - 30030 Favaro Veneto (VE)

Scarica la scheda di iscrizione

 

KOS Care s.r.l.
Sede Legale:
Via Durini, 9 - 20122 Milano
tel. 02 6713281 - koscare@kosgroup.com
Capitale sociale: € 2.550.000 i.v.
Reg. impr. - C.F - P. IVA 01148190547
R.E.A. di Milano n° 2124636
Direzione e Coord. art. 2497 C.C.: Kos S.p.A.

Seguici su
© 2021. Kos Care s.r.l. Tutti i diritti riservati. Privacy policy
logo Gruppo KOS